Sportello sovracomunale per la lingua friulana

Le cosiddette lingue minoritarie in FVG sono quella friulana, quella slovena e quella tedesca; in tutta Italia sono 12 le lingue storiche. Gli uffici per la lingua friulana sono stati pensati per continuare a garantire, a coloro che la parlano, il diritto di farlo ovunque, soprattutto nei rapporti con gli enti pubblici. Il diritto è riconosciuto dalla nostra Costituzione (art.6), con leggi dello Stato, della Regione, dagli accordi europei che sono validi per tutte le lingue minoritarie d'Europa (dove le parlano più di 40 milioni di persone). I referenti degli sportelli possono sviluppare progetti per la valorizzazione della lingua, come anche tradurre documenti delle amministrazioni pubbliche (es. manifesti elettorali, Statuti). Le associazioni possono chiedere la traduzione in grafia ufficiale dei manifesti degli eventi o feste organizzate o una collaborazione per tradurre siti internet, per esempio. Ognuno può avere informazioni sulla normativa di riferimento per le lingue minoritarie, per esempio quello previsto nella scuola in merito alla lingua e cultura locali (dovrebbe essere garantito il diritto a fare almeno un'ora di lingua friulana/cultura locale a settimana, tutto l'anno).

La ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane) è l'Ente pubblico responsabile della politica linguistica e promuove tante iniziative a favore della lingua. Ha un sito internet aggiornato con materiali video e audio molto interessanti e strumenti come il Grant Dizionari o il coretôr ortografic (per la grafia ufficiale).

Si può contattare la referente per i 4 Comuni: Venusia Dominici
all'indirizzo di posta elettronica: sportel.furlan@comune.talmassons.ud.it

Inoltre è presente in municipio a Talmassons in questi orari:

Lunedì dalle 8.30 alle 14.00
Martedì dalle 14.30 alle 18.30
Mercoledì dalle 8.30 alle 14.00
Giovedì dalle 14.30 alle 18.30
Venerdì dalle 8.30 alle 13.30

 

 

Legge Regionale n. 15 del 22 marzo 1996

Norme per la tutela e la promozione della lingua e della cultura friulane ed istituzione del servizio per le lingue regionali e minoritarie

 Art. 2 (Tutela della lingua friulana)
Il friulano è una delle lingue della comunità regionale. La Regione Friuli-Venezia Giulia considera la tutela della lingua e della cultura friulane una questione centrale per lo sviluppo dell'autonomia speciale.

Legge 15 Dicembre 1999, n. 482

Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche

Art. 2.
In attuazione dell'articolo 6 della Costituzione e in armonia con i princípi generali stabiliti dagli organismi europei e internazionali, la Repubblica tutela la lingua e la cultura delle popolazioni albanesi, catalane, germaniche, greche, slovene e croate e di quelle parlanti il francese, il franco-provenzale, il friulano, il ladino, l'occitano e il sardo.